Milano, 12 Febbraio 2003

La scelta dell'ambiente

Tante cose si sono dette sulle possibili dislocazioni di un acquario in casa, ma nessuna veramente attendibile, secondo me.

L'unica cosa certa è che dovrete piazzare la vasca nel posto più comodo PER VOI, perché sarete VOI a godervi l'acquario e a doverci mettere dentro le mani per far manutenzione.

Quindi, va bene scegliere un posto tranquillo, riparato, lontano dalle finestre e dalle porte e quant'altro, ma prima di tutto questo viene la VOSTRA comodità. Riuscite a immaginare che meraviglia debba essere avere una vasca che rispetti tutti i divieti visti sopra, ma che si trovi a 2 metri da terra?

Quindi, prima di tutto, individuate una zona che vi permetta di lavorare comodamente intorno alla vasca e che vi consenta di ammirarla in tutta calma e relax e se, per disgrazia, questo punto dovesse essere vicino a una finestra, infischiatevene bellamente. Non è assolutamente vero che le finestre vicine agli acquari favoriscano automaticamente l'insorgenza delle alghe. Anzi, un po' di luce solare non può che far bene a piante e pesci.

L'unica vera accortezza che dovrete usare sarà quella di accertarvi che il vostro pavimento sia in grado di sopportare il peso della vostra vasca. Una vasca piena e allestita pesa MOLTO di più di quanto possiate immaginare.

Diciamo, in linea di principio, che per vasche fino a 250 litri, a meno che non abitiate in una catapecchia, non ci sono grossi problemi; abbiate la cautela di sistemare le grosse vasche vicine ai muri portanti e non al centro della stanza. Per vasche di capacità superiore sarà il caso che facciate fare una perizia da qualche ingegnere.

Torna alla scaletta