Milano, 12 Aprile 2003

La scelta della luce

Un tasto dolentissimo, questo.La luce... croce e delizia dell'acqauriofilo.

Suo il merito se la vasca va bene, sua la colpa se compaiono le alghe. Ma è vero questo?

Ovviamente no, anche se con le dovute cautele del caso.

Come la pensi io sulla luce in acquario, lo potete sapere visitando altre parti del sito ; quindi, non starò a ripetere qui le stesse cose. In queste righe mi limiterò a suggerire che tipo di illuminazione prevedere per un nuovo acquario e come disporla e, soprattutto, come sceglierla in base alla tipologia di vasca che decideremo di allestire.

Abbiamo già visto come scegliere pesci e piante, quindi darò per scontato che le piante siano già state scelte, selezionate e acquistate ed è a questo punto che diventa importante decidere che illuminazione dare ad esse. Ma attenzione: se la vostra vasca è prevalentemente dedicata ai pesci, sarà ai loro colori e al loro comportamento che dovrà essere adattata l'illuminazione, non più alle piante, soprattutto se le poche presenti sono poco esigenti sotto quest'aspetto.

Quindi, guardate bene la vostra vasca e non lasciatevi fuorviare dai consigli di qualche sedicente esperto; comperate le lampade che servono per la VOSTRA vasca.

Ricordate che le lampade a toni caldi sono ricche di rossi ed esalteranno questo colore in pesci e piante, mentre le lampade a luci più fredde (quelle a temperatura di colore più alta, per capirci, superiore a 5000K, dette anche a luce bianca o diurna) esalteranno i toni blu.

Per alcune vasche si può anche pensare ad introdurre delle vere e proprie lampade blu per intensificare questo colore in certi pesci, soprattutto Ciclidi dei grandi laghi africani. Purtroppo, però, questa tonalità di colore sembra piacere molto alle alghe e se questo può essere positivo in una vasca Malawi, potrebbe diventare un problema estetico piuttosto importante in una vasca normale.

 

Torna alla scaletta