Milano, 30 Ottobre 2001

 

Le leggende metropolitane dell'acquariofilia

 

Quanta luce in un acquario?

 

Questa è, per me, la seconda più assurda "regola" che sia mai stata inventata in acquariofilia.

Chi non ha mai letto, o sentito dire, che in un acquario ci vogliono 0.5 W per litro di acqua, alzi la mano!

Eppure, come per la lunghezza dei pesci, questa regola è semplicemente ridicola.

Perché?

Semplice; NON E' POSSIBILE definire con una regola che tipo e che potenza di luce si debbano mettere in un acquario. Le variabili in gioco sono troppe, prima tra tutte la tipologia della vasca.

Una vasca dedicata ai Ciclidi dei grandi laghi africani vorrà una luce che nulla ha a che vedere con quella da mettere su una vasca di Guppy che, a sua volta, non potrà essere presa come riferimento per una vasca dedicata alle piante.

Al di là di tutto questo, si dimenticano, in genere, le dimensioni della vasca stessa; una vasca alta richiede più luce di un'identica vasca avente un'altezza inferiore. Vasche più alte di 45-50 cm richiedono, poi, illuminazioni più spinte di quelle fornite dai normali tubi fluorescenti.

Vasche con piante sciafile o che si adattino a condizioni di bassa illuminanza, richiedono meno luce di vasche allestite con piante eliofile, pena il rischio di un'esplosione di alghe.

Quindi, prima di decidere che luce mettere su una vasca è meglio decidere CHE TIPO DI VASCA si intenda allestire e solo dopo, scegliere l'illuminazione più adatta.

 

Torna alla pagina delle leggende